Cinghiale Corrente - A.S.D.T.P.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cinghiale Corrente

Calendario Gare




Per regolamento gara Cinghiale corrente  Trofeo Sequal 2017  , consultare la pagina dedicata



Regolamento Gare Sociali :



La prova sarà suddivisa nelle seguenti categorie:

CAT. A
– fucili a canna liscia con mire metalliche

CAT. B -  fucili a canna rigata con mire metalliche ( Caccia ed Ex-Ordinanza )

CAT. C -  fucili canna rigata e liscia aventi congegni ottici di puntamento  

Esercizio: Si sparano 4 colpi, 2 all'andata e 2 al ritorno, in piedi, sbracciati, senza appoggio, su sagoma “bifronte” raffigurante cinghiale in corsa.  In entrambe le corse il tiratore dovrà dare il “via” per la partenza dell’esercizio e durante l’attraversamento sparare due colpi sulla sagoma.  Il cartello verrà annullato se si riscontrerà un numero di colpi superiore a quelli ammessi.

Iscrizioni :  Dalle ore 08.30 presso il campo di tiro.

Quota iscrizioni : 5,00 €

Rientri : 5,00  € - I rientri sono Liberi nel limite temporale disponibile, anche con arma diversa. La Direzione di Gara  valuterà l'affluenza dei Tiratori e potrà porre un limite al numero di rientri.

Premi : verranno premiati i primi 6 classificati per ogni categoria, le Premiazioni inizieranno indicativamente dalle Ore 16.30 . I Premi dovranno essere ritirati dal Tiratore o suo delegato.   
I Premi non sono cumulabili per Categoria ma ogni Tiratore può concorrere in più Categorie.


Regolamento Gare Cinghiale Corrente 2017

1. Scopi: La gara è organizzata per il divertimento dei partecipanti e la diffusione di questa forma di allenamento e pratica propedeutica all’attività venatoria. Il presente regolamento si intende letto e accettato da tutti i partecipanti prima dell’iscrizione.

2. Partecipazione: Gara aperta a tutti i Cacciatori e Tiratori muniti di porto d'armi, in regolare corso di validità ed idonea assicurazione secondo le disposizioni di legge.

3. Responsabilità: ciascun tiratore all’atto dell’iscrizione si assume ogni responsabilità per danni o incidenti causati a persone o cose, impegnandosi altresì a usare tutte le cautele atte a salvaguardare la propria e l’altrui incolumità. Solleva l’organizzazione da ogni responsabilità.

4. Armi ammesse: a canna liscia con mire metalliche, categoria A; a canna rigata con mire metalliche categoria B; a canna rigata o liscia con ottiche categoria C. I fucili a canna liscia potranno essere camerati nei calibri 12/16/20/28/410 con palla slug di peso per il cal 12 inferiore a 32 grammi; i fucili a canna rigata dovranno avere calibro non inferiore a mm 5 (.224”) e il cui bossolo vuoto misuri almeno 39 mm. ( Tutti i calibri da caccia come da art. 13, comma 1° L.nr 157/92, con esclusione dei calibri PPC e BR ). Le caratteristiche tecniche della armi devono essere le medesime con le quali hanno ottenuto l’inserimento nel Catalogo nazionale, per quelle rigate, in ogni caso prive di qualsiasi altro accorgimento o modifica. È consentito l’utilizzo di ottiche e congegni di puntamento.
A insindacabile giudizio del Direttore di gara possono essere escluse armi non in buono stato o comunque ritenute inidonee per l’esecuzione dell’esercizio. I tiratori sono tenuti a mettere a disposizione le armi utilizzate per la gara, qualora i direttori di tiro la richiedano per un controllo di conformità.

5. Munizioni ammesse: commerciali e ricaricate, queste ultime sotto la responsabilità del tiratore.
A insindacabile gi udizio del Direttore di gara possono essere escluse munizioni non in buono stato o comunque ritenute inidonee per l’esecuzione dell’esercizio.

6. Esercizio: si esegue sparando in piedi, sbracciati, senza appoggio, su sagoma “bifronte” raffigurante cinghiale in corsa alla distanza  max di 40 metri circa.  Seguendo le direttive del Giudice di gara o del Direttore di tiro, il tiratore si avvicina alla pedana di tiro con l’arma nel fodero o visibilmente scarica, e solo al comando “caricare” può estrarla dal fodero e/o caricarla con al massimo due colpi alla volta. In entrambe le corse il tiratore dovrà dare il “via” per la partenza dell’esercizio e durante l’attraversamento sparare due colpi sulla sagoma.  Il cartello verrà annullato se si riscontrerà un numero di colpi superiore a quelli ammessi.

7. Inceppamenti: in caso di inceppamento al primo colpo, l’esercizio viene ripetuto. In caso di inceppamento al secondo colpo il tiratore ripete l’esercizio completo (due colpi) dando il via alla sagoma che riparte quindi dalla posizione iniziale (se l’esercizio era appena iniziato) o dal lato opposto (se l’esercizio si stava svolgendo sulla corsa di ritorno) sparando un colpo a vuoto (non sul bersaglio) quando la sagoma è esposta e proseguendo col secondo colpo sulla sagoma.

8. Classifiche: verranno redatte le tre classifiche distinte A, B e C con le migliori prestazioni dei tiratori iscritti. Il punteggio ottenuto sarà dato dalla somma dei punti calcolati in base al punto di impatto del colpo sul bersaglio, tenendo presente che il colpo secante anche parzialmente la riga vale il punto superiore. In caso di parità sarà necessaria la misurazione della rosata e, nel caso di ulteriore parità, uno spareggio a eliminazione diretta tra i tiratori presenti a pari punti, tutelando comunque i tiratori assenti con l’ordine di iscrizione.

9. Reclami: possono essere presentati entro 30 minuti dall’esposizione della classifica e saranno regolati in modo insindacabile dal collegio dei Direttori di gara . Saranno accettati solo per iscritto accompagnati da una cauzione di Euro 50,00 che verrà restituita in caso di accoglimento del reclamo.

10.Modifiche e controversie: è facoltà dell’organizzazione apportare qualsiasi modifica al presente regolamento, per un miglior svolgimento della prova. Per ogni controversia derivante da casi non specificatamente contemplati nel presente regolamento si farà riferimento a una specifica giuria composta dal Direttore di gara e dall’organizzatore.







Torna ai contenuti | Torna al menu